Skill e competenze

Dai spazio al potenziale dei tuoi dipendenti

 

 

 

Secondo un articolo di HRM, il magazine rivolto ai professionisti del mondo delle risorse umane, l’85% dei lavoratori sostiene di poter contribuire maggiormente al raggiungimento degli obiettivi aziendali.

Questo accade perché le loro competenze non sono sfruttate in pieno e spesso non sono nemmeno conosciute.

I lavoratori hanno la percezione di lavorare in modo non organizzato (con conseguenti carichi mal distribuiti) e questo concorre a generare insoddisfazione.

 

Cosa possono fare le aziende per dare più spazio al potenziale dei propri dipendenti?

  • Conoscere skill e competenze del proprio team

C’è in azienda un dipendente con competenze in determinati linguaggi di programmazione? C’è qualcuno che parla cinese o giapponese?

Se un manager non è a conoscenza di skill e competenze dei propri dipendenti, come può dare pieno sviluppo al loro potenziale?

Per disporre di tutte le informazioni necessarie a prendere le giuste decisioni in merito alle risorse umane e dalla cui gestione deriva il raggiungimento degli obiettivi aziendali e il successo dell’impresa, le aziende possono dotarsi di soluzioni software che archiviano e gestiscono tutti i dati relativi ai dipendenti.

All’interno di queste soluzioni software le informazioni relative al personale sono raggruppate in un vero e proprio dossier di facile consultazione, che consente di avere una panoramica, oltre che sull’anagrafica, sul percorso professionale, contrattuale e retributivo di ogni soggetto, di skill e competenze, di risultati di performance e dei corsi di formazione.

Questo consente non solo di assegnare ai dipendenti ruoli in linea con le loro competenze, ma anche di individuare i fabbisogni organizzativi, prevedere le azioni da intraprendere e storicizzare le variazioni avvenute.

  • Coinvolgere i dipendenti

I dipendenti sanno in che direzione si sta muovendo l’azienda e quindi quali sono gli obiettivi che si è prefissata?

Per ogni dipendente, è fondamentale non solo conoscere il proprio ruolo all’interno dell’azienda, ma anche avere consapevolezza sugli obiettivi generali e di come l’impresa li raggiunge. Il dipendente che potrà  dare voce a idee e opinioni si sentirà membro del team a tutti gli effetti.

Per ottenere questi risultati le aziende possono programmare meeting con i dipendenti con cadenza settimanale o mensile, ricevendo così feedback utili e costanti.

Dalla parte opposta, il dipendente si sentirà parte integrante del sistema impresa.

Coinvolgere le risorse umane può essere la migliore strategia per una crescita aziendale nel medio e lungo termine e un’occasione per condividere responsabilità e risultati.

  • Fornire incentivi finanziari per produttività e performance

Gli incentivi o premi per coloro che raggiungono gli obiettivi o per coloro che sono più meritevoli stimolano il dipendente nello svolgimento dell’attività lavorativa con un conseguente aumento della produttività aziendale.

  • Investire in attività di formazione continua

La tua azienda effettua periodicamente corsi di formazione ai dipendenti?

Viviamo in un mercato in continua evoluzione, dove la tecnologia e l’innovazione avanza ogni giorno di più e di conseguenza cambia anche il mercato del lavoro.

Vi siete mai chiesti quali saranno le professioni del futuro? Alcuni dicono guide turistiche dello spazio, altri chirurghi per aumentare la memoria, altri ancora nanomedici.

Come anticipare le tendenze del mondo del lavoro e quindi le competenze professionali di domani?

Con attività di formazione continua.

Prevedere ed effettuare attività formative è fondamentale e apporta numerosi vantaggi: i dipendenti si sentiranno più motivati con un conseguente aumento sulla produttività e l’azienda si doterà a sua volta di competenze di cui necessita.

Oltre che alle attività di formazione obbligatoria previste in azienda, hai mai pensato di chiedere direttamente ai tuoi dipendenti se ci sono competenze su cui vogliono fare approfondimenti?

Ci sono dipendenti che vorrebbero migliorare il proprio inglese o le competenze su determinati programmi di grafica?

Accogliere le loro richieste su bisogni formativi consentirà un aumento di motivazione.

Ma come effettuare un vero e proprio piano formativo e ricordarsi periodicamente dei corsi in scadenza o quelli programmati?

Attraverso soluzioni software è possibile organizzare corsi di formazione e convocare i partecipanti, rilevare presenze ed efficacia dei corsi, gestire gli attestati di partecipazione e definire il budget della formazione. Il piano formativo può essere frutto di un’analisi sulle competenze mancanti svolto dall’azienda stessa oppure può nascere da richieste espresse dai dipendenti.

 

La tua azienda, come dà spazio al potenziale dei dipendenti?

Vuoi migliorare la gestione delle risorse umane nella tua azienda?

Richiedi la tua consulenza gratuita.

Ti aiuteremo a valutare quali sono i tool giusti per gestire in maniera più efficiente tutti i processi legati alle HR in azienda

 

Contattaci!

 

Consulenza gratuita!